DECRESCITA O CRESCITA FELICE? SPUNTI DI RIFLESSIONE

Qual è il tuo rapporto con i soldi? Si, parlo proprio con te che ti senti spesso in colpa perché pensi di spendere troppo

Cerchiamo di fare un po’ il punto.

Siamo abituati a pensare che il desiderio di ‘possedere cose’ e ‘consumare’ sia una prerogativa del nostro tempo e della nostra società occidentale, ma non è così!

Nelle società tradizionali, dove non c’era consumismo, né capitalismo e neppure abbondanza, i beni materiali rappresentavano il potere e creavano relazioni sociali.

Nella costa nordoccidentale del Pacifico degli Stati Uniti e del Canada, per esempio, si organizzavano grandi banchetti, chiamati potlatch, durante i quali una grande quantità di cibo – oltre ad essere consumata e ostentata – veniva anche distrutta o buttata via. Possedere risorse ed avere potere andava di pari passo anche in Polinesia e Melanesia, dove il capo politico – chiamato Big Man – era chi possedeva un surplus di beni da distribuire agli altri membri della comunità.

 

Tu che ti arrovelli se è meglio Essere o Avere, devi considerare che nelle società tradizionali i beni materiali e le relazioni sociali non erano due cose separate: ‘Avere’ era una forma di ‘Essere’, e il contrario.

Un chiaro esempio di ciò è il circuito Kula, studiato ad inizio ‘900 da Bronislaw Malinowski nelle Isole Trobriand, Pacifico Occidentale. I trobriandesi investivano molto tempo ed energie nello scambio rituale di collane e bracciali di conchiglia. Questi monili non avevano un grandissimo valore in sé ma in quanto simbolo di rapporti d’amicizia e solidarietà.

Secondo l’antropologo britannico Daniel Miller, anche ai giorni d’oggi permane questa mentalità: gli oggetti che ci circondano, che desideriamo, che sfoggiamo e spesso ostentiamo sono in realtà simboli di relazioni sociali, canali di comunicazione con gli altri.

Il consumismo non è, da questa prospettiva, un’invenzione moderna (solo) a vantaggio di pochi ma un sistema saldamente radicato nel bisogno umano di esprimere sé stessi ed entrare in relazione.

Se Miller ha ragione oppure no è una questione complessa che non possiamo trattare in questo post. Quello su cui voglio riflettere, invece, è dove sorge il problema…se il ‘possedere’ non è da demonizzare in se stesso perché ha una funzione sociale, allora perché ci sentiamo a disagio se spendiamo o se consumiamo troppo?

Ok, ok, lo so il primo problema ovviamente è che il conto va in rosso. Ma oltre al colore del conto c’è qualcosa di più profondo…quando compri l’ennesima Louis Vuitton provi un senso di colpa che non ti molla e non ti fa godere appieno del tuo nuovo acquisto?

Il problema è che, al giorno d’oggi, sebbene alcuni oggetti servano per esprimere sé stessi e entrare in relazione con altri, i soldi – come simbolo del valore dello scambio – si sono staccati sia dalle relazioni sociali che da un rapporto equo con l’ambiente e sono venuti a costituire una dimensione autonoma e indipendente.

Al contrario degli esempi più sopra, i soldi impongono la loro legge sulle relazioni sociali e i processi naturali, spesso valicando e distruggendo rapporti di amicizia, solidarietà e anche interi ecosistemi. Tutto ciò crea squilibri sia nella società che nell’ambiente (ingiustizie, violenze, prevaricazioni, sfruttamento ecc…)

Quale è la soluzione, allora, a questo stato di cose? Secondo me la soluzione sta nel recuperare il valore degli oggetti di cui ci circondiamo come qualcosa di indissolubilmente legato a cosa vuol dire vivere bene in relazione con altri e con l’ambiente.

Le cose che consumiamo e acquistiamo devono far vivere meglio noi e gli altri, e non peggio. Chiediamoci sempre, prima di acquistare, produrre o consumare qualcosa: è a vantaggio di chi? Come migliorerà o peggiorerà la mia vita e quella di altri? Quanto rispecchia i miei valori? …a te la risposta!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...