COSA METTERE NELLO ZAINO PER IL TUO VIAGGIO PIÙ LUNGO

Ogni anno la stessa storia; passo un intero pomeriggio a progettare il contenuto della mia valigia, usando il letto come vetrina di tuuutto quello di cui proprio non posso fare a meno e mi ritrovo a dover scegliere tra cinque vestitini, tre sandali infradito, dieci libri, una collezione di creme solari e maglioncini neanche dovessi star via anni interi.

[Soundtrack per entrare nel mood vacanza qui]

cosa-mettere-nello-zaino-magazine-tonico

Forse occorre fare un passo indietro per raccontarti che, da qualche anno, le mie vacanze estive sono piccole avventure a bordo di una Vespa nera e hanno sempre destinazione mare – il che rende il tutto più semplice, ma come puoi immaginare il momento di riempire lo zaino è sempre traumatico: un mezzo di trasporto per due persone con relativa attrezzatura da viaggio, un portapacchi frontale e un piccolo bauletto sul retro. Puoi immaginare come lo spazio da dedicare al bagaglio sia veramente poco, eppure riesco sempre a tornare con alcune cose inutilizzate che mi fanno puntualmente dire – ecco, come sempre ho esagerato!

Ricordo benissimo la magia del primo tour in Sardegna nel 2012 (dirti che è stato meraviglioso è superfluo, vero?) quando sono partita dicendomi che avrei comprato tutto là – ma tutto cosa? – sentendomi libera da zavorre invisibili, quasi coraggiosa nel fare a meno di quelle zeppe che proprio non ci stavano. O il timore di prendersi l’acqua in viaggio, girare spiagge deserte senza ombrellone, e se arriva una mail urgente e non riesco a lavorare dal telefono?

pexels-photo-351087.jpeg

Oggi trovo che avere una limitazione in fatto di peso e ingombro sia un’ottima scusa per riflettere su cosa sia davvero utile e cosa, invece, può essere lasciato tranquillamente a casa, senza problemi. La vita, una volta sulla strada, diventa improvvisamente più semplice e flessibile: ti godi il momento, fai asciugare i capelli al naturale, provi tutti i giorni un campioncino diverso, non perdi le ore ad abbinare quel pantaloncino fucsia che boh, ti porti dietro lo smartphone e te ne dimentichi.

Fare lo zaino richiede una certa organizzazione e, come dicevo, ti porta a valutare il peso e l’utilità di quello che stai infilando. Non è mia intenzione dilungarmi sulle modalità di incastro, né sul suo effettivo contenuto, quanto piuttosto sul fatto di utilizzare il bagaglio come giudice imparziale di quello che ci entra. Davvero mi è utile portare la pochette di marca, o tutto l’ultimo ordine fatto su Amazon Books o gli orecchini che mi sono regalata al compleanno? Filtri inconsci che spariscono nell’essere costretti a scegliere solo l’essenziale.  

pexels-photo-485798

Arrivo finalmente al sodo di questo articolo facendoti riflettere su quello zaino immaginario che ci portiamo dietro quotidianamente e che non sempre riempiamo con il giusto criterio. Dal nostro percorso accumuliamo tutta una serie di esperienze, oggetti e pensieri che quasi mai passiamo al setaccio, fino ad arrivare al punto di capacità massima, avanzando sempre più lentamente, incapaci di comprenderne le cause.

 

Perché non sfruttare, allora, questo momento per pensare alla nostra vita, scegliere accuratamente con cosa viaggiare e come farlo?

pexels-photo-500439.jpeg

Prima di augurarti buon viaggio te ne indico cinque, a mio parere fondamentali, per rendere indimenticabile quello più lungo.

  •  I sogni del momento, quelli che senti vibrare nelle ossa ora, lasciando andare aspettative e obiettivi del passato.
  • La curiosità di scoprire cosa c’è dietro quella curva, di seguire le indicazioni dei passanti e non quelle del navigatore, di entrare nei negozietti più nascosti.  
  • L’amore delle persone che fanno parte della tua vita ogni giorno, quelle persone a cui mandi ancora le cartoline e che, anche se sono pochi giorni, non vedi l’ora di riabbracciare.
  •  Il coraggio di seguire il tuo intuito, le sensazioni che nel profondo sanno che strada devi scegliere ai bivi più importanti.
  • L’entusiasmo nell’assaporare ogni attimo, la bellezza della vita che ti circonda, delle storie che racconterai negli anni a venire.

E adesso, zaino in spalla che l’avventura è già iniziata!

magazine-tonico-roberta-matto-designer-and-graphic-lapù-lab

One thought on “COSA METTERE NELLO ZAINO PER IL TUO VIAGGIO PIÙ LUNGO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...