Wonder Woman sfogo di una femminista

Dal primo giugno è nelle sale cinematografiche Wonder Woman, film diretto da Patty Jenkins e liberamente tratto dai fumetti DC Comics (quelli di Batman e Superman, per intenderci, da sempre in contrapposizione a tutta la grande casa Marvel).

Per chi, come me, si catapulta a vedere ogni film o serie TV con supereroi dentro, poco importa se sono di uno schieramento o di quello opposto. Io sarò lì con popcorn a farmi riempire gli occhi di effetti speciali e lotte epiche.

Wonder Woman Film

Ma questa volta era diverso, non vedevo l’ora. Mi ero gasata per bene con i trailers, i rumors, la pagina Facebook di Gal Gagot, l’attrice protagonista. Insomma ero pronta a fare il tifo per questo primo film dove il super eroe è una donna che picchia duro, la regia femmina anche lei e l’ideatore del fumetto, da cui il film è tratto, è uno psicologo femminista e liberale della prima metà del ‘900

« Il miglior rimedio per rivalorizzare le qualità delle donne è creare un personaggio femminile con tutta la forza di Superman ed in più il fascino di una donna brava e bella. »

(William Moultom Marston – autore di Wonder Woman)

Finalmente un’eroina!

Ero sulla mia poltrona vip presa in prevendita, pronta a fare un tifo sfrenato per questa Gal Gagot: attrice, Miss Israele 2004, modella, cintura nera di karate shotokan ed ex istruttrice delle forze armate israeliane. Ero dalla sua parte, pronta a smentire tutte le possibili critiche su di lei con le unghie e con i denti, perché no! Gal Gagot non si tocca!

 

Wonder_Woman_Giphy

 

E ed ero pronta a godermi questi 160 minuti di film emozionate dove una donna sistema tutto tra milioni di effetti speciali. Cioè un po’ come accade il sabato mattina in tutte le case Italiane solo che immaginateci coreografate mente rifacciamo letti, facciamo quadrare conti, estirpiamo ogni pelo superfluo dal nostro corpo e mettiamo a dormire il pargolo. Effetti sonori, costumino realizzato per noi e la luce migliore per farci apparire sempre al meglio… un sogno! (mettiamoci pure gli occhi turchesi di Chris Pine, qui trovate una sua intervista)

Che poi lei un’entrata del genere l’aveva già fatta nel film Batman vs Superman: Dawn of Justice ed è li che mi aveva totalmente catturato. Mentre quei due cretini litigavano senza neanche sapere il perché, arriva lei e risolve la questione. La adoravo già, quasi quanto adoro Vedova Nera degli Avengers.

giphy1

Ed infatti, dicevamo, giovedì ero lì a vedermi il film perché di questa tipa qua volevo saperne di più. Ora, io non farò la review perché non sono in grado di recensire un film, nonostante ne abbia visti un numero indefinito. Se è una recensione quella che cerchi la puoi trovare qui.

Piuttosto vorrei riflettere con te su alcuni punti premesso che a me il film è piaciuto molto e le scene di lotta mi hanno lasciato letteralmente con il fiato sospeso!

  • L’inizio è stupendo, siamo su questa isola paradisiaca chiamata Themyscira, in cui vivono le Amazzoni che passano il tempo ad allenarsi per difendersi da un possibile attacco. Ho adorato queste scene di lotta vera. I colpi sferrati avevano tantissima forza ma anche molta strategia. Veramente un bel modo per veicolare il messaggio che una donna non è inferiore in niente, anzi può stupire in ogni cosa che fa. E mi piace anche il messaggio che devi lottare per evitare i pericoli, non nasconderti o coprirti. Istruirti e lottare, punto! Perché ciò che ci accadrà nella vita è un’incognita, ciò che decidiamo di diventare invece dipende solo da noi.

 

Le protagoniste in questa parte del film sono donne fiere e potenti, in grado di regnare e dedicarsi alla comunità. Robin Wright (per intenderci Claire Underwood in House of Cards e la famosissima Jenny in Forrest Gump) nei panni di Antiope, il generale delle Amazzoni, è magnifica. E Connie Nielsen nei panni della Regina delle Amazzoni, Ippolita, è maestosa!

 

Wonder Woman amazzoni

 

Antiope è perfetta con un fisico pazzesco, occhi che penetrano ma anche le rughe portate con fierezza. Donne belle e forti ma con quel tocco di umanità che le rende ammirabili anche da noi comunissime e banalissime terrestri. Nella scena di lotta sull’isola Antiope va alla guerra sicura di se, non tanto perché deve combattere, ma perché è sicura del lavoro che ha fatto sul suo esercito ed è pronta a scendere in campo. Non potete capire quanto ero gasata in quel momento. Antiope è presente solo in poche scene che sono però state sufficienti a rendere il personaggio unico e di spessore. Insomma Antiope ha carattere da vendere!

 

Wonder Woman Robin Wright Antiope

 

  • Poi però sull’isola arriva un uomo e con lui i dialoghi crollano. Battutone a sfondo sessuale (ovviamente ho riso alle battute, sono femminista, mica puritana, solo che potevo ridere anche a battute differenti, tutto qui) e continui richiami al fatto che Diana, Wonder Woman, sia bellissima. Ok, Diana è oggettivamente bellissima, ma sa fare anche salti di 30 metri e sinceramente io sarei più impressionata da questo che dalla bellezza. E invece no, per tutto il film si ripete che lei è, semplicemente, bella! Infatti sono tanti e lunghi i primi piani in cui si può ammirare lo splendore di Diana.

 

giphy2

 

  • Altro punto che mi piacerebbe porre all’attenzione è il carattere dell’eroina. Sembra una bambina dell’asilo. Capisco il fatto che venga da un altro mondo e che quindi sia spaesata. Ma potevano darle un po’ più colore, un pò del carisma di Antiope. C’è una scena, che potete vedere anche nel Trailer,in cui si vedono le donne che l’hanno cresciuta. Diana poteva essere più sicura di se. Invece aleggia sempre questo concetto di donna bella e ingenua che tanto piace. Lo so, Diana è così perché è pura di cuore, ok, va bene. Ma si può essere puri e buoni d’animo senza essere fastidiosamente ingenui? Insomma è stata cresciuta da donne guerriere che l’addestravano duramente per la maggior parte della giornata, come fa ad essere così… così … naif?

giphy3

  • Ultima cosa che proprio non mi è andata giù, e che già avevo odiato nella protagonista Ryan di Star Wars: il Risveglio della Forza, è questo improvviso diventare forti solo negli ultimi 2 minuti, così dal nulla. Anzi, non proprio dal nulla, piuttosto da una sciagura amorosa. Prima impacciate poi magicamente brave. Come se alle donne fosse negato il fatto di mostrare la fatica che facciamo per essere ciò che siamo. Mia nonna diceva che l’uomo non deve mai vedere la donna che si sistema, la donna deve uscire dalla toilette bella come per magia. Deve essere stata mia nonna a far da consulente alla sceneggiatura di questi due film.

Ma perché? Cosa prende a queste protagoniste di film che dovrebbero parlare al mondo? Perché non ci capiscono una mazza e poi, per grazia divina o genetica, scoprono di possedere doni immensi che solo la delusione amorosa fa emergere? E perché appena li scoprono li sanno subito usare? Cioè io so cucinare abbastanza bene, diciamo che sono portata, ma per fare una meringa ho dovuto fare diverse prove! E poi questa cosa dei poteri così a gratis, non ci piace!

 

giphy4

 

Cari super eroi, che siate maschi o che siate femmine, questi super poteri ve li dovete sudare. Perché altrimenti noi non riusciamo a riconoscerci in voi neanche per quel 2% che vi rende adorabili. Siate super ma pur sempre umani nei tratti perché voi siete i nostri Dei pagani degli anni 2000 e se volete che noi vi adoriamo o almeno proviamo un pò di empatia per le vostre storie surreali, dovete essere più antropomorfi. Qualche ruga, qualche indecisione, qualche scelta sbagliata, una caduta, una parola di troppo, un pò di arroganza qua e la… Tony Stark insegna, chiedete a lui ripetizioni!

Ma una cosa femminista questo film l’ha fatta e non è cosa da poco:

i ragazzini di oggi vogliono essere come lei

e questo è quanto di più femminista si possa realizzare con un solo film

 

Ps: anche la colonna sonora di Wonder Woman è femmina, clicca qui e alza il volume!

 

Wonder Woman Sound Track

 

 

One thought on “Wonder Woman sfogo di una femminista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...