13 Reasons Why: il teen drama che mi ha portato indietro nel tempo

Chi si ricorda com’era essere adolescente?

Svegliarsi presto tutte le mattine, sabato compreso, per andare a scuola. Ascoltare per almeno 5 ore qualcuno di fronte a te che parla di cose vagamente interessanti. Avevi probabilmente molte piú passioni: il calcio, il violino, il francese. Si spera che alcuni di questi stimoli oggi ti aiutino nel tuo lavoro.

 

13 reasons why review

E poi ci sono quelli come noi, che invece non ricordano con piacere l’adolescenza perché è stato un periodo molto difficile. Nel periodo in cui io andavo a scuola, non esisteva ancora il termine bullismo, ma vi posso assicurare che l’atteggiamento esisteva eccome.

Compagni che ti prendono in giro per il tuo aspetto fisico, per il tuo modo di vestire, per la tua incapacitá di parlare durante un’interrogazione. Un’adolescente se vuole, sa ferire. Perché durante quel periodo non vuoi altro che essere accettato, e chi invece è accettato non vuole essere rimpiazzato da te.

13 Reasons Why Clay

 

Thirteen mi ha fatto rivivere la mia adolescenza. Fortunatamente non era tragica come quella di Hannah Baker, la protagonista del telefilm; una ragazza che vive svariate esperienze negative che non augureresti nemmeno al tuo peggior nemico. Mi sono rivista invece in moltissimi atteggiamenti dei ragazzi: gli amori fluttuanti, le insicurezze, l’incostanza nelle decisioni e il rapporto difficile con i genitori.

 

La paura ci piace: dagli zombie di The Walking Dead al terrore di American horror story, ci piace sentire quel brivido per staccare dalle nostre vite quotidiane. In Thirteen il brivido peró è diverso, è paura che quella derisa sia tua figlia, quello escluso sia tuo figlio, e che la societá lo porti a gesti estremi. Thirteen è un telefilm crudo, veritiero, che non lascia spazio all’immaginazione, anche nei momenti piú spietati e pesanti da vedere.

 

Se volete fare un tuffo nel passato, quando credevate che essere popolare a scuola fosse la cosa piú importante al mondo, quando “rubavate” il ragazzo ad una vostra amica, ma soprattutto quando tutti vi prendevano in giro, o peggio voi vi prendevate gioco dei vostri amici, guardatelo. Un po’ di empatia non fa affatto male.

 

13 Reasons Why it Has to Get Better

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...