Tonic Mag - Thirteen Reasons Why - Review

Thirteen Reasons Why dovresti guardare questa serie tv

Io con i teen drama mi fermo a Beverly Hills perchè c’ho una certa età, ma “Tredici”, questo il nome della serie TV in Italia,  l’ho divorato, letteralmente!

E ti spiego perché in  Thirteen Reasons Why.

Intanto eccoti il primo trailer di lancio di Tredici sul canale YouTube di Netflix

651f3f881ea5b6c3bc403324987e9da5

Ma prima, a nome del TeamTonico sottolineerò anche alcuni spunti di riflessione. Perchè Thirteen Reasons Why è una serie TV basata sui punti di vista, proprio come il MagazineTonico.

1493799501773

 

Thirteen Reasons Why è la nuova serie Netflix, prodotta da Selena Gomez e disponibile in Italia dal 31 Marzo 2017.

E’ un teen drama tratto dal libro omonimo, già best seller, di Jay Asher.

E’ il racconto delle 13 motivazioni che stanno dietro al suicidio di Hannah Baker ( Katherine Langford), una ragazza di terzo liceo americana che decide di registrare su audiocassete le 13 ragioni che l’hanno portata a togliersi la vita. Ogni lato di un’audiocasetta corrisponde ad un episodio della serie e ad una persona che ha contribuito alla scelta finale di Hannah.

La struttura degli episodi è studiata per farti raggiungere un livello di Binge Watching assurdo. Pensaci, se avessi tu quelle cassette non ti metteresti ad ascoltarle tutte di fila?

“I hope you’re ready, because I’m about to tell you the story of my life. More specifically, why my life ended. And if you’re listening to these tapes, you’re one of the reasons why.”

Ed ecco per te il  Trailer completo e sottotitolato in italiano di Tredici sul canale YouTybe di Netflix.

Hannah sceglie questo metodo vintage di diffusione della propria storia, della propria realtà, per non rendere la cosa semplice a nessuno. Dopo tutto Thirteen Reasons Why è un  thriller: c’è un morto, tanti protagonisti, altrettanti sospettati e nulla di scontato!

Sotto trovi le parole di Hannah a riguardo, lei esorta chi riceve le cassette ad ascoltare  e poi passare la propria conoscenza agli altri. Già dalle prime battute emerge una lezione: si deve ascoltare e si deve condividere. Nessuna delle due azioni risulterà semplice.

“The rules here are pretty simple. There are only two. Rule number one: you listen. Number two: you pass it on. Hopefully, neither one will be easy. It’s not supposed to be easy, or I would have emailed you an MP3.When you’re done listening to all 13 sides, because there are 13 sides to every story rewind the tapes, put them back in the box, and pass them on to the next person.”

Ma Tredici è anche una serie contro i più popolari del liceo che ha spopolato!  

Lo ha fatto alla grande insultando quelli fighi, quelli prepotenti e cazzoni.

Lo ha fatto diventando, in pochissimo tempo, la serie più vista su Netflix.

Lo ha fatto rimanendo molto realistica. Non troverai nessuna sfigata che improvvisamente diventa bellissima e amata da tutti, nessuno sfigato che ottiene la sua rivincita sugli stronzi. Niente effetti speciali non reali, è tutto come ci si aspetterebbe dalla vita di tutti i giorni in un liceo americano anche quando vorresti urlare: “No, ti prego, dimmi che è tutto finto, dimmi che lei in realtà è viva!”

“The popular kids are always mean. That’s how they get popular.”

 

Tutta le serie è incentrata sul momento in cui Clay Jensen ( Dylan Minnette), ragazzo introverso dall’animo gentile, riceve le audiocassette. E’ lui che ci accompagnerà per tutti gli episodi, in un continuo di flash back e tempo presente capaci di ricostruire una storia sempre più complessa.

Durante tutta la visione della serie solo una cosa ti tormenterà: la ricerca della verità.

Ed Hannah, a proposito di verità, dice:

“See, I’ve heard so many stories about me now that I don’t know which one is the most popular. But I do know which is the least popular. The truth. See, the truth isn’t always the most exciting version of things, or the best or the worst. It’s somewhere in between. But it deserves to be heard and remembered. The truth will out, like someone said once. It remains.”

Thirteen reasons why ti farà pensare al concetto di verità assoluta, a come spesso sia difficile distinguerla dal gossip.

Tutta la trama parla di adolescenti che devono conquistare la loro posizione nel mondo, anche a costo di calpestare la vita degli altri o, spesso, di  calpestare la loro stessa vita.

Si parla di rapporti omosessuali, di alcolismo, di droga, di bullismo , di famiglie complicate e di depressione e lo si fa con estremo realismo, niente immagini edulcorate o stereotipate. La serie TV sottolinea come le cose accadano senza una sequenza logica prevedibile.

Il punto non è ciò che accade ma come si reagisce a tali eventi. L’indifferenza è spesso protagonista degli episodi di Thirteen Reasons Why.

E’ l’indifferenza che consente ai “cattivi ragazzi” di essere cattivi.

“The overarching lesson is that actions have consequences.”

Ogni azione ha conseguenze, anche l’azione di non prendere azioni.

Thirteen reasons why è una serie tv che spinge lo spettatore a guardare la stessa scena sotto punti di vista differenti, spiega come le stesse situazioni possano avere effetti completamente differenti su diverse persone e questo è un messaggio molto importante soprattutto se indirizzato ad un pubblico di ragazzi adolescenti.

“You don’t know what goes on in anyone’s life but your own. And when you mess with one part of a person’s life, you’re not messing with just that part. Unfortunately, you can’t be that precise and selective. When you mess with one part of a person’s life, you’re messing with their entire life. Everything… affects everything.”

Selena Gomez, la produttrice di questa serie, ha vissuto in prima persona ogni fase della serie TV, facendosi anche tatuare un punto e virgola, un simbolo che identifica la scelta di dire NO al suicidio. Insieme a lei altri personaggi del cast si sono fatti lo stesso tatuaggio.

E’ stata aperta persino una  petizione per far vedere la serie TV nelle scuole italiane e conta già più di 17.000 sostenitori.

Tu cosa ne pensi?

Comunque la serie lascia anche molti quesiti aperti durante l’ultimo episodio e si vocifera già una seconda stagione di Thirteen Reasons Why, io sono qui pronta con la copertina!

Ti lascio un’altro spunto di riflessione, il punto di vista degli attori e produttori su questa serie evento.

E dolcisinfundo le Th1rteen R3asons Why secondo me:

  1. Inizio ad effetto nostalgia Non ricordi l’inizio di Desperate Housewives? Anche li era qualcuno dall’oltretomba a parlare
  1. E’ attuale quanto vintage Le cassette! Ma che genialata Hannah!
  1. I più popolari non sono bellissimi Cioè non sono brutti ma non sono neanche Brandon o Dylan, parliamone!
  1. Non saprai chi odiare di più Io prenderei a schiaffi quasi tutti
  1. Non lo saprai fino alla fine infatti fino alla fine avrei preso a schiaffi tutti
  1. Non saprai con chi schierarti Il mio preferito rimane Clay
  1. Non saprai con chi sentirti più affine. Io sono l’alter ego Di Clay, sono troppo una babba di minchia che non si accorge mai di cosa sta succedendo attorno a se
  1. La cheerleader non è proprio stupida Per lo meno si impegna
  1. La più secchiona è odiosa Lo so, questo è qualcosa che ci piace così, i secchioni sono odiosi!
  1. Si parla di omosessualità come ne parleranno le nuove generazioni Con meno pregiudizi. Vediamo ragazzi gay gentili, veri duri e stronzi assurdi, addirittura una famiglia con genitori gay… non la fanno facile, la fanno e basta
  1. Ritornerai adolescente Che non so se per te sia un bene o un male. Ma rivivrai momenti magici come il tuo primo lento…
  1. I ragazzi vengono trattati come persone non come stupidi ragazzini, ma come persone (a parte gli adulti che non ci capiscono niente, come al solito!)
  1. Potrai dire di averlo visto se anche tu hai la fissa della popolarità non puoi non sapere tutto ma proprio tutto sulla serie più vista di tutti i tempi!

+1  La protagonista non è una taglia 38!  lo so, dovevo metterne 13 ma questa non potevo non segnalarla!

la-serie-thirteen-review-secondo-me

Ricorda di lasciare il tuo punto di vista nei commenti sotto!

3 thoughts on “Thirteen Reasons Why dovresti guardare questa serie tv

  1. Le 13 migliori ragioni lette nell’ultimo mese per divorare uno dopo l’altro gli episodi di questa serie!
    E questo articolo è una delle tante ragioni che invitano a seguire costantemente il vostro magazine!
    Primo impatto decisamente positivo:)

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...